CORSO D’AGGIORNAMENTO PER INSEGNANTI

Guerre totali: civili e diritti negati. Dal museo di storia alla storia del mondo

Obiettivi:

Il Memoriale Veneto della Grande Guerra (MeVe) e l’Istituto per la storia della Resistenza di Treviso (Istresco) propongono un corso di aggiornamento rivolto a docenti della scuola secondaria di primo e secondo grado.

L’obiettivo del corso è quello di ragionare attorno al tema dei diritti, con particolare attenzione rivolta ai civili, mettendo in rapporto una guerra del passato – la Prima guerra mondiale, a cui il MeVe è espressamente dedicato – con guerre più recenti (in particolare i conflitti della ex Jugoslavia). I temi di approfondimento sono stati selezionati per porsi in dialogo con le sezioni che compongono il percorso espositivo del MeVe, configurando il corso come un’opportunità di approfondimento capace di mettere in connessione la scuola, gli enti che operano sul territorio e il mondo della ricerca.

Modalità di svolgimento:

Fatta eccezione per il primo incontro introduttivo che si terrà in presenza nei locali del MeVe, le lezioni si svolgeranno on line, al fine di agevolare la partecipazione di tutti.

Per ogni incontro sono previsti gli interventi di due relatori, della durata ciascuno di circa 30 minuti, a cui potrà seguire un breve dibattito con domande da parte dei corsisti. Successivamente i docenti saranno divisi in piccoli gruppi e, sulla base degli interventi e del materiale fornito e segnalato dei relatori, saranno invitati ad ipotizzare dei percorsi didattici sull’argomento trattato utili allo sviluppo di specifiche Unità Didattiche di Apprendimento.

Alla fine di ogni incontro è prevista una breve restituzione di quanto discusso nei gruppi di lavoro.

Dopo il primo intervento introduttivo presso il MeVe, i quattro incontri che seguiranno saranno dedicati alla propaganda di guerra, ai bambini, alle donne e al tema dei diritti negati. L’intento del corso sarà di mostrare come le guerre (del passato e più recenti) si traducano in generale nella sospensione dei diritti fondamentali, colpendo in particolare i soggetti che per propria natura sono più deboli. Il tema della propaganda verrà sviluppato al fine di evidenziare come anche la manipolazione della realtà e delle narrazioni belliche per fini politici costituisca una violazione dei diritti di ogni cittadino.

Il corso è accreditato presso il MIUR per l’aggiornamento dei docenti e sarà disponibile sulla piattaforma SOFIA. Il link per la registrazione sulla piattaforma verrà fornito al momento dell’iscrizione.

Partner Scientifici:

Tavolo della pace (referente Flavio Lotti)

Clio ‘92 (referente Ernesto Perillo)

Info generali:

Costo del corso: gratuito

Numero massimo di partecipanti: 35

Iscrizioni:

Per iscriversi è necessario mandare una mail con i propri dati (nome, cognome, scuola di riferimento) alla Segreteria Didattica del MeVe, reperibile ai seguenti contatti:

tel: 0423 602271 (dal lunedì al venerdì ore 9.00-13.00)

mail: info@memorialegrandeguerra.it

PROGRAMMA DEL CORSO

I incontro – Musei e didattica della storia: un’opportunità per la scuola

Data: 23 settembre; ore 16.30-19.00

Modalità incontro: in presenza presso la sede del MeVe, via A. Anassillide 5, 31044 Montebelluna (TV).

Flavio Lotti (TAVOLO DELLA PACE), Elementi di educazione civica e di educazione alla pace

Ernesto Perillo (Clio ‘92), Il laboratorio di storia: istruzioni per l’uso

Irene Bolzon (MeVe), Il MeVe per la scuola, proposte e prospettive

L’incontro si concluderà con una visita alle principali sezioni del Memoriale

II incontro – La prima vittima è la verità: la propaganda di guerra

Data: 1 ottobre; ore 17.00-19.00

Modalità incontro: da remoto

Francesco Cutolo, La figura del nemico nella propaganda della Grande Guerra

Raffaele Crocco, Quando le bugie accendono la guerra

III incontroInfanzia negata: i bambini e la guerra

Data: da definire (7-8 ottobre); ore 17.00-19.00

Modalità incontro: da remoto

Gaetano Vinciguerra, I bambini: le vittime ignorate della Grande Guerra

Silvia Gallo, La condizione dell’infanzia nel contesto delle guerre jugoslave 

IV incontro – Il corpo della nazione: le donne e la guerra

Data: 14 ottobre; ore 17.00-19.00

Modalità incontro: da remoto

Isabella Gianelloni, Donne e uomini che si incontrano: crocerossine e prostitute nella Grande Guerra

Maria Bacchi, Corpi di donne attraverso i confini

V incontroFuggire dalla guerra, tra diritto e diritti negati

Data: 21 ottobre; ore 17.00-19.00

Modalità incontro: da remoto

Lucio De Bortoli, Cittadini in fuga tra realtà, diritti e diritto durante la Grande Guerra

Diana Fraccaro, Fuggire da una guerra oggi: spunti per un approccio laboratoriale alla conoscenza dello status del rifugiato